News da rifondazione.it

ACERBO (PRC-SE): CANNABIS, POSITIVO PRIMO PASSETTO MA NECESSITA LEGALIZZAZIONE

  • Inviato il: 08/09/2021
  • Da: redazione

È un fatto positivo l’approvazione in commissione alla Camera dei deputati del testo base della proposta di legalizzazione della coltivazione domestica di cannabis. Ma se guardiamo ad altri paesi siamo ancora in estremo ritardo a causa dell’oscurantismo della destra e dell’ignavia del PD. Il parlamento a fatica si sta semplicemente adeguando alle sentenze dei tribunali e della Corte di Cassazione che hanno stabilito che non si può sanzionare l’autocoltivazione per consumo personale.

RIFONDAZIONE: LUANA D’ORAZIO E’ STATA UCCISA. E’ UNA VITTIMA DELLO SFRUTTAMENTO

  • Inviato il: 08/09/2021
  • Da: redazione

Luana D’orazio è stata uccisa: l’orditoio su cui lavorava andava al massimo regime e senza protezioni (perché la fotocellula di sicurezza era stata volutamente disattivata).
Lo conferma l’indagine della magistratura aggiungendo un altro tassello alle scelte criminali dell’azienda già note che hanno portato alla morte della lavoratrice: l’assenza del tutor e la manomissione del quadro elettrico che consentiva al macchinario di funzionare anche senza la saracinesca abbassata.

Rifondazione Comunista con i lavoratori e le lavoratrici di Almaviva contro i licenziamenti

  • Inviato il: 08/09/2021
  • Da: redazione

Rifondazione Comunista con i lavoratori e le lavoratrici di Almaviva contro i licenziamenti
Rifondazione Comunista sostiene i lavoratori di Almaviva di Palermo in lotta per la salvaguardia del posto di lavoro contro la decisione di ITA di affidare il call center alla società internazionale Covisian in sostituzione di Almaviva senza rispettare la clausola sociale sulla prosecuzione del rapporto di lavoro.

G20 Salute, esisteva un’altra strada che non fosse affidarsi alla carità dei paesi ricchi

  • Inviato il: 07/09/2021
  • Da: redazione

 
Paolo Ferrero*
I toni trionfalistici con cui il ministro Roberto Speranza ha annunciato il Patto di Roma, con cui si è concluso il G20 sulla Salute, costituiscono una dimostrazione lampante di malafede. Il vertice dei 20 ministri della Sanità ha ribadito l’impegno ad arrivare al 40% di vaccinazioni sul complesso della popolazione mondiale. Si tratta di un ottimo proposito visto che la situazione attuale vede la popolazione africana con una quota di vaccinazioni al di sotto del 2%.

CILE: PIÑERA È “PERSONA NON GRATA” IN ITALIA !

  • Inviato il: 07/09/2021
  • Da: redazione

Come Partito della Rifondazione Comunista-Sinistra Europea fin dall’inizio delle grandi mobilitazioni in Cile, il 18 di ottobre 2019, abbiamo manifestato il nostro sostegno e la nostra solidarietà internazionalista con il popolo cileno, impegnato in una dura lotta contro le conseguenze di 17 anni di dittatura civico-militare di Augusto Pinochet e di 30 anni di ricette neoliberiste post-dittatura, messe in atto da governi di centro-sinistra e della destra.

Garavini e Rifondazione, l’altra sinistra (im)possibile

  • Inviato il: 07/09/2021
  • Da: redazione

di Giuliano Garavini 

Ripubblichiamo, con il permesso dell’autore, l’articolo che Giuliano Garavini ha dedicato al padre Sergio ieri su Il Fatto quotidiano nel ventennale della scomparsa. Sergio Garavini è stato uno dei più autorevoli dirigenti del movimento operaio italiano della storia repubblicana e il primo segretario nazionale del nostro partito.

G20: i maggiordomi di Big Pharma

  • Inviato il: 07/09/2021
  • Da: redazione

di Marco Bersani, Attac Italia -
“Una sola salute” aveva chiosato a ruota il ministro Speranza.
Parole in libertà, perché quando si è trattato di passare ai fatti, ovvero decidere la sospensione dei brevetti sui vaccini come richiesto da oltre 100 paesi del sud del mondo, ecco i rappresentanti dei governi dei paesi più ricchi, allineati e coperti, trasformarsi in maggiordomi delle imprese multinazionali del farmaco.

VACCINI, G20 SCEGLIE GENOCIDIO NEI PAESI POVERI, SPERANZA SCHIERATO CON BIG PHARMA NON CON GINO STRADA

  • Inviato il: 07/09/2021
  • Da: redazione

Il vertice dei ministri della sanità del G20 a Roma si conclude con la scelta di proseguire sulla strada dell’apartheid vaccinale che, come ha giustamente denunciato Gianni Tognoni, sta producendo un genocidio nei paesi poveri. Mentre si dice che vaccinarsi è un dovere civile non si ottempera al dovere di garantire l’accesso ai vaccini a tutta l’unanimità. Una scelta che favorisce la proliferazione di nuove varianti e che conviene soltanto agli azionisti di poche multinazionali.

Pagine