News da rifondazione.it

CALENDA EREDE DI MALAGODI NON DI ROSSELLI

  • Inviato il: 20/02/2022
  • Da: redazione

Carlo Rosselli si rigira nella tomba. Carlo Calenda ieri ha ripetuto di ispirarsi al “liberalsocialismo di Rosselli e Gobetti”.
La reiterata appropriazione indebita del liberalsocialismo da parte di Calenda offende la storia.
Calenda è l’erede del Pli di Malagodi e Zanone, il suo è un partito della destra economica confindustriale.
Non a caso Calenda propone una coalizione che va dalla Lega al Pd, cioè l’unità dei liberaliberisti di centrodestra e centrosinistra che hanno portato avanti le politiche di privatizzazione e precarizzazione.

ACERBO (PRC-SE): OGGI PRESIDI CONTRO LA GUERRA, A ROMA, NAPOLI, MILANO E TANTE ALTRE CITTA’ ITALIANE

  • Inviato il: 19/02/2022
  • Da: redazione

“Oggi parteciperò al presidio unitario con De Magistris e Pap che si terrà a partire dalle 11 davanti alla base NATO di Largo Patria, a Giugliano (NA)* e nel pomeriggio al corteo nel centro di Napoli – dichiara Maurizio Acerbo, segretario nazionale di Rifondazione Comunista – Sinistra Europea.

ACERBO (PRC-SE): DOMANI MANIFESTAZIONI CONTRO LA GUERRA, A ROMA, NAPOLI, MILANO E TANTE ALTRE CITTA’ ITALIANE

  • Inviato il: 18/02/2022
  • Da: redazione

“Domani parteciperò al presidio unitario con De Magistris e Pap che si terrà a partire dalle 11 davanti alla base NATO di Largo Patria, a Giugliano (NA) e nel pomeriggio al corteo nel centro di Napoli – dichiara Maurizio Acerbo, segretario nazionale di Rifondazione Comunista – Sinistra Europea.

ACERBO (PRC-SE): MINCULPOP A VICENZA, LEZIONE DI STORIA IN PIAZZA CONTRO CENSURA DEL SINDACO

  • Inviato il: 18/02/2022
  • Da: redazione

A Vicenza il sindaco di destra pensa di essere ancora ai tempi del Minculpop e di poter decidere quali opinioni storiche siano legittime.
Nei giorni scorsi ha scritto agli uffici facendo revocare l’autorizzazione all’uso di una sala comunale per una conferenza della storica Alessandra Kersevan organizzata da Rifondazione Comunista e altri.
Il sindaco si arroga un diritto che non ha: quello di negare lo spazio pubblico a un convegno perché non ne condivide i contenuti che ha definito “esecrabili”.

PFIZER ITALIA: GUADAGNI ALLE STELLE E STRAGE DI POSTI DI LAVORO

  • Inviato il: 18/02/2022
  • Da: redazione

Pfizer, la multinazionale americana produttrice del vaccino omonimo, continua imperterrita a tagliare posti di lavoro in Italia. Dopo i 130 licenziamenti già annunciati nello stabilimento di Catania ora è la volta di 128 informatori farmaceutici a ricevere il benservito dall’azienda.
Tanta arroganza conferma che siamo di fronte a un piano di ridimensionamento degli organici del gruppo in Italia già segnalato del resto dalla mancata conferma dei contratti a 80 lavoratori in somministrazione nel corso dello scorso anno.

Il percorso perverso dell’Autonomia Differenziata fra furbate e colpi di mano

  • Inviato il: 18/02/2022
  • Da: redazione

Superata la tregua dell’elezione del Presidente della Repubblica, riprende il progetto di dissoluzione dell’unità del Paese, fuori da ogni dibattito pubblico e democratico.
Lo avevano annunciato Salvini, che ritiene a portata di mano la conclusione dell’iter dell’Autonomia Differenziata entro la legislatura, e la ministra Gelmini che comunicava di essere al lavoro per una legge che recepisse le intese già firmate con Veneto, Lombardia, Emilia Romagna.

Inaccettabile bocciatura referendum cannabis. Amato fa politica

  • Inviato il: 17/02/2022
  • Da: redazione

Avremmo rispettosamente atteso le motivazioni ma visto che il neopresidente Amato ha esternato commentiamo sulla base delle sue parole.
Le argomentazioni con cui Giuliano Amato ha annunciato l’inammissibilita’ del referendum sulla cannabis non ci convincono. Lo diciamo indignati perché non si possono buttare 600.000 firme nella spazzatura sulla base delle proprie opinioni proibizioniste. Troviamo inaccettabile anche la modalità con cui Amato parla a nome della Corte convocando una conferenza stampa ad hoc.

18 FEBBRAIO: RIFONDAZIONE CON GLI STUDENTI IN PIAZZA CONTRO IL LAVORO CHE UCCIDE

  • Inviato il: 17/02/2022
  • Da: redazione

La giornata di lotta degli studenti del 18 febbraio, contro un modello di Scuola sempre più distante dal diritto allo studio e contro un’alternanza scuola lavoro che uccide, è importante perché oltre a denunciare l’asservimento della scuola all’impresa accende i riflettori sulle morti sul lavoro.

Pagine