Genova, ponte Morandi, Ferrero: “Mafiosi a casa nostra”

GENOVA, PONTE MORANDI – FERRERO (LA SINISTRA): «MAFIOSI A CASA NOSTRA. PREOCCUPAZIONI DI CITTADINI E COMITATI NON ERANO INUTILI ALLARMISMI»
«La prima interdittiva antimafia per un’azienda impegnata nei lavori del ponte Morandi getta un’ombra molto grande sulla gestione della demolizione e della ricostruzione – dichiara Paolo Ferrero, candidato de La Sinistra nel collegio Nord Ovest, vice presidente del Partito della Sinistra Europea – . Lavori che cittadini e comitati hanno seguito, spesso ostacolati, dall’inizio, ponendo particolare attenzione alla tutela della salute degli abitanti, dei lavoratori (basti pensare alla presenza di amianto) e per la paura che potessero verificarsi infiltrazioni malavitose, date le totali deroghe in ambito della concessione degli appalti. Oggi la realtà ha superato la fantasia, dimostrando che le preoccupazioni dei cittadini e dei comitati non erano inutili allarmismi».
14 maggio 2019