RIFONDAZIONE: A MILANO NON ERAVAMO NOI A CONTESTARE CGIL

  • Inviato il: 12/10/2021
  • Da: redazione

Ieri a Milano il corteo dei sindacati di base è transitato davanti alla sede della Camera del Lavoro cantando Bella Ciao o gridando la parola antifascismo.
Solo un gruppetto mentre scorreva il corteo ha cominciato a gridare insulti contro Landini e la Cgil. A due giorni dall’assalto fascista un’espressione di demenza settaria ingiustificabile.
Purtroppo nelle immagini del video che circola sui social si vede anche una nostra bandiera. Teniamo a precisare che la teneva in mano un nostro compagno, iscritto Cgil, che stava cercando di dissuadere questo gruppo.
Apprendiamo che un esponente di Confindustria come Calenda approfitta di questo episodio per attaccare Rifondazione Comunista e i sindacati di base.
Lo informiamo che sabato 16 saremo a Roma al corteo antifascista della CGIL e a Milano ai presidi a protezione delle Camere del Lavoro.
Fabrizio Baggi, Segretario regionale Lombardia
Matteo Prencipe, Segretario Provinciale Milano
Partito della Rifondazione Comunista / Sinistra Europea
LA VERITÀ RACCONTATA DAL SEGRETARIO DELLA CGIL DI MILANO MASSIMO BONINI
https://www.facebook.com/massimo.bonini.37/videos/1060741354665322/
Ci tengo a precisare che ieri, al corteo dei sindacati autonomi, solo una piccola parte ha contestato e insultato la Cgil.
Una piccola parte fatta di antagonismo a prescindere che nemmeno di fronte alla violenza fascista è capace di esprimere solidarietà. Una piccola parte che come sempre capita nella storia riesce a dare fiato alle voci della destra ambigua e che vuole dividerci.
Larga parte del corteo ha espresso solidarietà.
Noi ringraziamo. Senza distinzioni.
Con il sindacato autonomo ci dividono tante battaglie sindacali ma in questa fase delicata per il Paese conviene essere uniti almeno sotto la bandiera dell’antifascismo. E non è poca cosa.
Ringrazio quindi gli organizzatori della manifestazione che hanno saputo cogliere la delicatezza del momento.
Prendiamolo a pretesto per l’inizio di un dialogo costruttivo.